Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Passeggiata al Ponte sull'Erno ai piedi del Mottarone

CARPUGNINO - CHIESA DI SAN DONATO - NOCCO - ALPE MARTIN - BROVELLO - CHIESA DI SAN PIETRO

Mottarone/Vergante

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/66/il-ponte-sull'erno-ai-piedi-del-mottarone
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
8.5 Km
icona tempo Nostro tempo:
2h15' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
450 mt
icona dislivello Quote min e max:
425 mt - 965 mt
icona percorso anello Tipo di percorso:
anello
icona superficie Fondo:
sentiero - asfalto
icona panorama Panorama prevalente:
boschi di faggi - felceti
icona copertura Copertura telefonica:
parziale
icona inverno percorso in inverno:
no
icona bicicletta percorso in bici:
no

Il torrente Airola-Erno nasce alle pendici del Mottarone, in questo primo tratto, nella provincia del VCO, è denominato Airola, mentre dal confine con la provincia di Novara, è chiamato Erno.

Le sue acque hanno rivestito una grande importanza economica nel passato: alimentavano l’acquedotto di Gignese e una piccola centrale idroelettrica, erano utilizzate dalla cartiera, diversi mulini utilizzavano la forza di questo torrente e persino una fabbrica che, in omaggio al fiume dal quale traeva energia elettrica, ne ha preso il nome.

La passeggiata ha inizio dalla chiesa Romanica di San Donato a Carpugnino, oggi monumento nazionale, per poi addentrarsi nei boschi di faggio che portano al paesino di Nocco. Il sentiero ridiscende verso il ponte sul torrente Erno e nuovamente risale attraverso i boschi e le felcete tipiche delle pendici del Mottarone. Attraversando alcuni pascoli si giunge all’alpe Martin per ridiscendere lungo la strada asfaltata che porta a Graglia Piana e alla chiesa romanica di San Pietro.


navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)