Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM® non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione agli Orridi di Uriezzo e Marmitte dei Giganti da Premia a Crego

ALLA SCOPERTA DEGLI ORRIDI SUD E NORD-EST FINO AL SALTURARIO DI DON LORENZO DRESCO

Val D'Ossola - Valle Antigorio

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/125/dagli-orridi-di-uriezzo-al-borgo-di-crego
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
4.7 Km
icona tempo Nostro tempo:
2h15' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
480 mt
icona dislivello Quote min e max:
530 mt - 790 mt
icona percorso anello Tipo di percorso:
anello
icona superficie Fondo:
sentiero - jeeppabile
icona panorama Panorama prevalente:
orridi - marmitte
icona copertura Copertura telefonica:
ottima
icona inverno Tracciato in inverno:
no
icona bicicletta Tracciato in bici:
no

Gli orridi di Uriezzo sono lo spettacolare e scultoreo risultato dell’erosione delle acque che hanno percorso la Valle Antigorio in seguito all’ultima delle quattro glaciazioni delle Alpi: la Glaciazione Wurmiana, avvenuta migliaia di anni fa quando il ghiacciaio del Toce aveva uno spessore che superava i 1000mt.
Lo scioglimento del ghiacciaio ha dato vita a numerosi torrenti che, scorrendo impetuosi, hanno generato vigorose cascate in grado di scolpire la roccia con il loro moto vorticoso ed energico. La portata del Toce è man mano diminuita lasciando visibili queste profonde gole scavate nella roccia, denominate “orridi”.
Gli orridi di Uriezzo sono oggi visitabili in quanto non sono più attraversanti dalle acque, mentre invece l’orrido di Arvèra è ancora attivo e percorso dalle acque del Toce, il quale, dopo aver attraversato l’Orrido di Balmasurda, visibile dal ponte di Balmacorda, si immette nella piana di Verampio.
L’itinerario porta alla scoperta dell’orrido Sud e dell’orrido Nord-Est, e conduce a Maiesso dove si trovano le spettacolari e suggestive Marmitte dei Giganti: qui le acque di scioglimento dell’antico ghiaccio del Toce si sono riunite formando correnti e vortici che hanno scavato la roccia fino a erodere e rendere visibile lo strato più profondo detto “Elemento 0”.
Da qui ha inizio l’antica mulattiera che sale al piccolo paese di Crego, noto per il suo oratorio costruito su un dosso roccioso dal “prete scalpellino”, Don Dresco. Il prete, con l’aiuto di alcuni parrocchiani, ha realizzato in più di 20 anni un’incredibile architettura utilizzando la pietra locale: il serizzo o "gneiss Antigorio".


go to map
vai alla mappa
Lo shop di ITINERARIUM
Con i tuoi acquisti sostieni il progetto di ITINERARIUM, che continuerà a raccontare il nostro territorio, le sue bellezze, la sua storia e le sue curiosità, mettendo sempre liberamente a disposizione tutte le informazioni!
STRUTTURE
nella zona
DOVE MANGIARE Valle Antigorio
ESPERIENZE Valle Antigorio
Zoom sull'itinerario zoom track
navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)