Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM® non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione alla Cascata del Toce da Valdo di Formazza

LUNGO LA SBRINZ ROUTE E LA VIA FRANCISCA TRA ANTICHI BORGHI WALSER

Val D'Ossola - Val Formazza

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/235/alla-cascata-del-toce-da-valdo
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
11 Km
icona tempo Nostro tempo:
3h30' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
430 mt
icona dislivello Quote min e max:
1277 mt - 1680 mt
icona percorso andata e ritorno Tipo di percorso:
andata e ritorno
icona superficie Fondo:
sentiero
icona panorama Panorama prevalente:
montagne - borghi - cascata
icona copertura Copertura telefonica:
parziale
icona inverno Tracciato in inverno:
no
icona bicicletta Tracciato in bici:
no

La cascata della Toce, la più bella, la più poderosa fra le cascate delle Alpi... ha qualche cosa di solenne. Un immenso anfiteatro di rupi nere si spiega davanti all’attonito sguardo.” - Antonio Stoppani, “Il Bel Paese”, 1876.

“Ma la salita è faticosa per ascendere all’albergo: esso però è là che occhieggia dall’alto e ci attira, e par che dica: coraggio passeggero, coraggio. Qui troverai frescura e riposo… oltre che ad un piatto di eccellenti trote di Kastelsee.” - Guido Bustico  “Verbania”, 1911

 

Queste sono alcune tra le numerose testimonianze che sono giunte fino a noi con le impressioni di coloro i quali si sono trovati dinanzi alla poderosa Cascata della Toce ed ancora oggi, giungendo ai suoi piedi, non si può che rimanere ammaliati da questo fragoroso fenomeno naturale della Val Formazza.

Questo itinerario permette di raggiungere a piedi la Cascata del Toce percorrendo parte dell’antico tracciato della Via Francisca, la via che per cinque secoli fu il collegamento tra la pianura lombarda, la Svizzera e la Francia. Dal 2002 parte di questo tracciato è tra i 12 itinerari di interesse nazionale della Svizzera e, col nome di Sbrinz Route, viene oggi ripercorsa ogni anno, indicativamente a fine agosto, da un folto gruppo di someggiatori, con un cammino di 7 tappe da Lucerna a Domodossola.

Uno dopo l’altro si susseguono i paesini Walser di Ponte, Brendo, Grovella, Canza, Sotto Frua e infine Frua dove spicca il famoso Albergo Cascata il cui progetto di ampliamento è stato curato dall’architetto Piero Portaluppi.

La Toce, dopo aver percorso la Piana di Riale e aver ceduto parte delle sue acque agli impianti idroelettrici, giunge alla Frua dove, con un salto di 143 metri, dà vita a quella che viene definita la più bella cascata d’Europa: la Cascata della Toce, Früttfall in dialetto Walser.

Le acque della Toce vengono utilizzate, da più un secolo, a scopi idroelettrici e per questo la cascata della Toce viene “aperta” solo pochi mesi l’anno ed è sicuramente anche grazie allo scienziato ed alpinista Giorgio Spezia se oggi possiamo godere ancora dello spettacolo naturale di questa cascata. Giorgio Spezia, primo e unico ossolano presidente del Club Alpino Italiano, con il suo pamphlet “Pro Cascata del Toce” pubblicato nel 1906, si è strenuamente battuto affinchè la rendita dell’industria idroelettrica non valicasse la prosperità del nascente turismo ossolano e soprattutto non interferisse con la bellezza della “miglior scena alpestre… che attrae tanti visitatori, quale è quella della grande Cascata del Toce”. Spezia promosse un’associazione per la tutela del paesaggio e ottenne l’intangibilità della “grande Cascata del Toce”. “In Italia il Governo è rigido protettore non soltanto dei colossali avanzi ma anche dei minuti detriti delle antiche opere dei nostri antenati, e perché non potrebbe egli anche proteggere certe grandiose opere della natura come avviene presso altre nazioni?” – Giorgio Spezia “Pro Cascata del Toce”, 1906.

 


Percorso in data: 23 lug 2023
go to map
vai alla mappa
Lo shop di ITINERARIUM
Con i tuoi acquisti sostieni il progetto di ITINERARIUM, che continuerà a raccontare il nostro territorio, le sue bellezze, la sua storia e le sue curiosità, mettendo sempre liberamente a disposizione tutte le informazioni!
Zoom sull'itinerario zoom track
navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)