Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione al Lago Nero

PIANA DI RIALE - ALPE TOGGIA - LAGO CASTEL - ALPE GHIGHEL

Val D'Ossola - Val Formazza

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/39/lago-nero
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
15 Km
icona tempo Nostro tempo:
4h30' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
920 mt
icona dislivello Quote min e max:
1730 mt - 2430 mt
icona percorso andata e ritorno Tipo di percorso:
andata e ritorno
icona superficie Fondo:
jeeppabile - sentiero - roccia
icona panorama Panorama prevalente:
laghi - montagne
icona copertura Copertura telefonica:
parziale
icona inverno percorso in inverno:
no
icona bicicletta percorso in bici:
no

L’escursione al Lago Nero ha inizio dalla Piana di Riale, dal sentiero (o dalla jeeppabile) che sale all’alpe Toggia. L’itinerario prosegue verso il Lago Kastel (o Castel), anch’esso oggetto della colonizzazione idroelettrica che ha caratterizzato le montagne Ossolane dall’inizio del secolo scorso.

La diga del Kastel venne costruita ed ultimata nel 1928, la muratura fu realizzata in pietrame a secco ed era alta 17 metri. Nel 1955 la diga ebbe un cedimento, a seguito del quale furono svolte delle indagini geologiche e si scoprì che l'invaso della diga era di natura carsica e quindi estremamente permeabile, per questo motivo venne abbandonato il progetto di farne un invaso utilizzabile a scopo idroelettrico. Oggi non vi è una diga ma due muraglioni distaccati per convogliare, eventualmente, le acque del lago, ma ad oggi le acque del lago non arrivano nemmeno a lambire questi muraglioni. Resta ancora visibile la condotta che convogliava le acque verso la centrale di Sottofrua. Anche le acque del Lago Nero furono convogliate verso la stessa Centrale.

La salita al Lago Nero prevede l’attraversamento del rio Scelp, che in alcune condizioni, risulta essere poco agevole. Giunti al Lago si può ammirare il Corno Talli ed il sentiero che prosegue verso il Basodino ed il Tamierhorn, la montagna che divide la Val Formazza dalla Val Bavona (CH).


navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)