close
Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione ai villaggi Walser di Salecchio Superiore e Salecchio Inferiore

SULL'ANTICA MULATTIERA SELCIATA VERSO GLI ALPEGGI AI PIEDI DEL PIZZO POJALA

Val D'Ossola - Valle Antigorio

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/91/il-villaggio-walser-di-salecchio
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
9.5 Km
icona tempo Nostro tempo:
3h30' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
750 mt
icona dislivello Quote min e max:
800 mt - 1515 mt
icona percorso andata e ritorno Tipo di percorso:
andata e ritorno
icona superficie Fondo:
jeeppabile-sentiero-galleria
icona panorama Panorama prevalente:
montagne - villaggio Walser
icona copertura Copertura telefonica:
parziale
icona inverno percorso in inverno:
no
icona bicicletta percorso in bici:
no

Il villaggio di Salecchio, Saley in lingua walser, era costituito dai due centri principali di Salecchio Superiore (am obru Barg) e Salecchio Inferiore (ufem undru Barg), e dai piccoli gruppi di case di Morando (Murant) e Case Francoli (Frankohus), questa distribuzione rispecchia quelle delle colonie agricole di origine tedesca. L’abitato sorge su un terrazzo soleggiato, a strapiombo sulla Valle Antigorio, dal quale si gode di un ampio panorama verso la piana dell’Ossola e verso il massiccio dietro al quale sorge Bosco Gurin, un paese di fondazione walser, l’unico di lingua tedesca nel Canton Ticino.
La popolazione di Salecchio, come quella di Agaro, non si trovava su una via di passaggio come invece era l’abitato di Formazza, pertanto viveva per lo più segregata dal mondo, basando la propria economia sulla più assoluta autosufficienza, vivendo di pastorizia e coltivando la terra a segale, orzo, patate, lino e canapa. Ogni angolo di terra doveva essere sfruttato al massimo, concetto visibile chiaramente, ad esempio, nelle ridotte dimensioni del cimitero. Basti pensare che anche Salecchio, come ogni villaggio walser, riusciva a produrre a sufficienza per sfamare un limitato numero di persone (a Salecchio si contano poco più di un centinaio di abitanti residenti), pertanto molti walser si ritrovarono a emigrare.
I Salecchiesi avevano così pochi scambi con gli altri centri abitati che, l’isolamento nel quale vissero per 700 anni li portò a mantenere intatti non solo la lingua ma anche metodi di lavoro e usanze vecchi di secoli. Ne è un esempio il metodo della misurazione del tempo che rimase invariato fino alla Prima guerra mondiale: a Salecchio quando si faceva notte il sagrestano suonava le campane e tutti regolavano gli orologi sulle ore 12:00, significava che da quel momento iniziavano le ore della notte. Ma il momento in cui suonavano le ore 12:00 non era uguale durante l’anno, in inverno probabilmente le ore 12:00 suonavano alle 5 del pomeriggio, mentre in estate molto più tardi!
Prima degli anni ’70, ovvero prima della crescente attività estrattiva che caratterizza tutt’oggi il territorio della Valle Antigorio, per raggiungere Salecchio si percorreva una mulattiera selciata che aveva inizio da Passo. Oggi della mulattiera restano solo pochi tratti, la maggior parte di essa ha lasciato posto ad una strada jeeppabile che arriva all’abitato di Salecchio Inferiore (non liberamente accessibile in quanto chiusa da una sbarra).
L’itinerario ha inizio dalla frazione Passo e ripercorre i tratti ancora esistenti della vecchia mulattiera, in alternativa è possibile seguire la strada jeeppabile, passando attraverso una breve galleria (si consiglia di munirsi di torcia). Arrivati all’abitato di Salecchio Inferiore si prosegue nel bosco verso Salecchio Superiore.
Guarda l'itinerario per raggiungere Case Francoli e l'Ape Vova.


navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)