Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM® non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione al Monte Camoscio sulle tracce dei Picasass

UNA TERRAZZA PANORAMICA SUL LAGO MAGGIORE

Mottarone/Vergante

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/102/monte-camoscio-e-i-picasass
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
5.5 Km
icona tempo Nostro tempo:
2h00' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
560 mt
icona dislivello Quote min e max:
280mt - 840mt
icona percorso andata e ritorno Tipo di percorso:
andata e ritorno
icona superficie Fondo:
sentiero - mulattiera
icona panorama Panorama prevalente:
lago e boschi
icona copertura Copertura telefonica:
ottima
icona inverno percorso in inverno:
icona bicicletta percorso in bici:
no

Alle pendici del Mottarone, di fronte al Montorfano si trova il Monte Camoscio, in quello che veniva chiamato “l’angolo della voltata”, ovvero il tratto della strada del Sempione che da Baveno arriva a Feriolo.
La storia di questo luogo è strettamente legata alle cave di granito. Si dice che fu San Carlo Borromeo, nel 1500, a scoprire il granito rosa di Baveno. Nel 1800 questo angolo di montagna ha visto avvicendarsi numerose dinastie di cavatori di granito, che hanno dato il via all’epoca d’oro dei “picasass”.
L’itinerario ha inizio proprio lungo il sentiero dei picasass, ovvero, la strada percorsa dai cavatori per raggiungere le aree di coltivazione del granito rosa. Proprio nello spazio di una cava dismessa si incontra la stanza di un museo a cielo aperto, dove sono in mostra i blocchi di granito e le varie lavorazioni, oltre a pannelli esplicativi e fotografie d’epoca. Questo spazio fa capo al GRANUM, il museo del granito visitabile nello storico Palazzo Pretorio a Baveno.
Per raggiungere la cima del Monte Camoscio è possibile seguire il sentiero che si inerpica nei boschi oppure, per gli amanti dell’arrampicata, la ferrata dei picasass, realizzata e manutenuta dal Cai di Baveno.
In cima al Monte, dove si trova una croce, la vista spazia dal Golfo Borromeo, alla foce del Toce, al Montorfano fino alle alte vette della Val Grande. Poco sotto alla vetta è stata realizzata la baita “papà Amilcare” del gruppo Alpini di Baveno.


Sei un PRODUTTORE LOCALE,
NOLEGGI ATTREZZATURE
o hai una STRUTTURA RICETTIVA?
Fai sapere agli escursionisti dove ti trovi e cosa fai!
Inviaci i tuoi dati e la tua posizione, inseriremo la tua attività su questo itinerario!
CONTATTACI
info@itinerarium.it
navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)