close
Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Torraccia medievale di Feriolo

DALLA TORRE DI AVVISTAMENTO AI LUOGHI DEL DISASTRO DI FERIOLO

Lago Maggiore - Mottarone/Vergante

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/87/torraccia-di-feriolo
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
2.5 Km
icona tempo Nostro tempo:
1h00' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
90 mt
icona dislivello Quote min e max:
200 mt - 285 mt
icona percorso andata e ritorno Tipo di percorso:
andata e ritorno
icona superficie Fondo:
sentiero - mulattiera
icona panorama Panorama prevalente:
edificio storico - lago
icona copertura Copertura telefonica:
ottima
icona inverno percorso in inverno:
icona bicicletta percorso in bici:
no

La breve escursione ha inizio dal lungolago di Feriolo, dove un cartello racconta del disastro avvenuto il 15 marzo 1867. “La Voce”, il giornale locale, riporta che le acque del Lago Maggiore hanno inghiottito alcune abitazioni, un tratto di strada e alcuni abitanti del paese. La causa è probabilmente da attribuire ad un insieme di fattori tra cui la costruzione delle case a ridosso della riva, la costante sollecitazione del sottosuolo a causa delle mine delle cave di granito e la costruzione del nuovo imbarcadero (Su YouTube è visibile il video che mostra i resti delle case sommerse dalle acque del lago).
Il percorso prosegue poi in salita verso il sentiero e la mulattiera lastricata che portano alla torre di avvistamento di Feriolo.
La Torraccia faceva parte di un triangolo di fortilizi che, con Suna e Mergozzo, dominavano il Montorfano e l’ingresso alla Piana del Toce, un tempo importante nodo di comunicazione.
Come questa esistono altri esempi di torri di avvistamento, come la Torre di Battiggio e le Torri di Premia e Crodo, deputate alla difesa dei territori Ossolani.
La Torre di Feriolo, che raggiunge i 9mt di altezza, è stata realizzata in granito bianco e rosa. Fu ristrutturata nel 1400 da Ludovico il Moro, venne utilizzata dall’esercito Napoleonico e anche durante la Prima guerra mondiale.


navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)