Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM® non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione all'Alpone di Curiglia e al masso alle Croci

Curiglia - Alpe Riva - Sarona - Alpone - Alpe Ca' del Sasso

Val Veddasca - Varesotto

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/157/all_alpone-di-curiglia
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
8.5 Km
icona tempo Nostro tempo:
4h00' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
750 mt
icona dislivello Quote min e max:
645 mt - 1240 mt
icona percorso anello Tipo di percorso:
anello
icona superficie Fondo:
sentiero - asfalto - mulattiera
icona panorama Panorama prevalente:
boschi - lago
icona copertura Copertura telefonica:
ottima
icona inverno Tracciato in inverno:
icona bicicletta Tracciato in bici:
no

L'itinerario ha inizio da Curiglia e segue la via dei castagni: una strada gippabile che attraversa il piccolo abitato di Sarona fino ad Alpone di Curiglia. Proprio i castagni furono un'importante fonte di sostentamento per gli alpigiani tanto che a Curiglia è visitabile l'antica grà, un piccolo edificio, ad uso della comunità, che serviva per l'essiccazione delle castagne.

Il percorso porta ad Alpone di Curiglia, uno splendido alpeggio nei pressi del quale si trova la chiesa della Madonna della Guardia. Alla costruzione della chiesa, nei primi del 1900, contribuirono le donne di Alpone che, con le loro gerle, trasportavano le pesanti pietre da fondovalle all'alpeggio. Da questo punto panoramico si apre una splendida veduta sulla Val Veddasca e sul Lago Maggiore.

Da Alpone è possibile fare una breve deviazione in costa, in un'immensa faggeta, che conduce al Masso delle Croci: un masso coppellato che mette in mostra il passaggio di diverse epoche storiche. Dalle coppelle e croci antropomorfe utilizzate dai Leponzi per compiere riti legati ai cicli astrali, fino alle croci latine e greche legate al periodo della cristianizzazione della valle affermatosi nel 1500 con Carlo Borromeo. La visita pastorale di Carlo Borromeo fu così importante che alle porte del paese di Curiglia si può ammirare il monumento costruito in suo onore.


Sei un PRODUTTORE LOCALE,
NOLEGGI ATTREZZATURE
o hai una STRUTTURA RICETTIVA?
Fai sapere agli escursionisti dove ti trovi e cosa fai!
Inviaci i tuoi dati e la tua posizione, inseriremo la tua attività su questo itinerario!
CONTATTACI
info@itinerarium.it
Zoom sull'itinerario zoom track
navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)