Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM® non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione al Forte di Bara di Ornavasso

Lungo la storia della Linea Cadorna in Ossola

Piana del Toce - Val D'Ossola

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/189/il-forte-di-bara-di-ornavasso
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
8.3 Km
icona tempo Nostro tempo:
3h45' a piedi
2h00' in bici
icona dislivello totale Ascesa totale:
250 mt
icona dislivello Quote min e max:
200 mt - 400 mt
icona percorso anello Tipo di percorso:
anello
icona superficie Fondo:
gippabile - asfalto
icona panorama Panorama prevalente:
montagne - boschi - fortificazione
icona copertura Copertura telefonica:
ottima
icona inverno Tracciato in inverno:
no
icona bicicletta Tracciato in bici:

Nella "stretta di Bara", tra la Punta di Migiandone e Candoglia, la valle dell'Ossola raggiunge il suo punto di minima larghezza, i due versanti della valle, infatti, distano soltanto 700 metri. Proprio in questo luogo strategico venne realizzato uno dei molteplici poli militari che vanno a costituire la Linea Cadorna.

La costruzione della Linea ebbe inizio nel 1899 e venne consolidata durante la Prima Guerra Mondiale. Questa imponente opera militare (oltre 72 km di trincee e centinaia di chilometri di strade e camminamenti) rappresentava il sistema difensivo italiano alla Frontiera Nord verso la Svizzera. La temuta invasione degli Imperi Centrali non avvenne mai e la Linea Cadorna non venne fortunatamente mai utilizzata per il suo scopo, tanto che oggi è possibile ammirare pressoché intatta la massiccia opera dei tanti uomini e soldati che hanno preso parte alla sua realizzazione.

L'itinerario ha inizio dal centro di Ornavasso e raggiunge la Chiesa Parrocchiale di San Nicolao e il Santuario della Madonna della Guardia. Qui il panorama si apre maestoso sulla Piana del Toce alla quale fanno da sfondo i Corni di Nibbio della Val Grande.

Nei pressi dell'antica cava di Marmo il percorso si fa sterrato e conduce dolcemente al Forte di Bara. Il forte disponeva di magazzini e di piazzole che avrebbero accolto truppe, mezzi ed armamenti, oltre ad una piccola cappella.

Lungo la mulattiera che dal Forte porta alla Punta di Migiandone, detta “il Muntagnet”, si incontrano i camminamenti di guardia e le postazioni d'arma, rese fruibili, nel 1985, grazie all'intervento del Gruppo Alpini di Ornavasso.


go to map
vai alla mappa
Lo shop di ITINERARIUM
Con i tuoi acquisti sostieni il progetto di ITINERARIUM, che continuerà a raccontare il nostro territorio, le sue bellezze, la sua storia e le sue curiosità, mettendo sempre liberamente a disposizione tutte le informazioni!
Zoom sull'itinerario zoom track
navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)