Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM® non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione al Monte Massone e Eyehorn da Ornavasso

Il panorama a 360° e le fortificazioni della Linea Cadorna

Piana del Toce - Val D'Ossola

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/190/monte-massone-e-eyehorn-da-ornavasso
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
18.5 Km
icona tempo Nostro tempo:
7h30' a piedi
icona dislivello totale Ascesa totale:
1750 mt
icona dislivello Quote min e max:
450 mt - 2160 mt
icona percorso andata e ritorno Tipo di percorso:
andata e ritorno
icona superficie Fondo:
sentiero - asfalto
icona panorama Panorama prevalente:
laghi - montagne - boschi - fortificazioni
icona copertura Copertura telefonica:
parziale
icona inverno Tracciato in inverno:
no
icona bicicletta Tracciato in bici:
no

Fu dal paese di Naters, nel Canton Vallese in Svizzera, che provenne il primo nucleo di migranti Walser. Secondo la leggenda furono dodici coppie di sposi, ribellatisi al castellano locale, a fuggire oltre le Alpi e a fondare i primi villaggi Walser di Ornavasso e Migiandone, sulla montagna che viene oggi definita "la montagna dei Twergi": i folletti benevoli della tradizione Walser.

L'itinerario ha inizio dal Santuario della Madonna del Boden e, lungo il "chilometro verticale", sale rapidamente fino alla Cappella del Buon Pastore, per poi attraversare l'Alpe Rossombolmo e giungere al Rifugio CAI Alpe Cortevecchio, che può diventare un punto di appoggio per sviluppare l'itinerario in un trekking di due giorni. Da qui il sentiero attraversa l'ultimo tratto di bosco, salendo fino alla vetta dell'Eyehorn. Secondo la tradizione, questa vetta tondeggiante prende il nome dalla parola tedesca "Ei", che significa uovo! Sulla vetta è posta una croce a celebrare il gemellaggio tra Ornavasso e Naters, recante la scritta latina "lingua divisis, corde unitis" (divisi dalla lingua, uniti dal cuore).

Il sentiero prosegue verso la cima del Monte Massone, attraversando i camminamenti e le trincee della Linea Cadorna che difendeva l'Ossola fino a fondovalle nel suo punto più stretto alla Punta di Migiandone, per poi risalire lungo i versanti della Val Grande fino alla Colma di Vercio. Dalla vetta si apre un panorama a 360° che spazia dalla Valsesia al Lago Maggiore, ai laghi di Varese e Monate, al Massiccio del Rosa e fino alle vette della Val d'Aosta (tra cui è visibile il Cervino) e le vette della Svizzera.


go to map
vai alla mappa
Lo shop di ITINERARIUM
Con i tuoi acquisti sostieni il progetto di ITINERARIUM, che continuerà a raccontare il nostro territorio, le sue bellezze, la sua storia e le sue curiosità, mettendo sempre liberamente a disposizione tutte le informazioni!
Zoom sull'itinerario zoom track
navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)