Scarica dallo store del tuo smartphone un'App per visualizzare le tracce GPX.

Alcune App, come Komoot e Wikiloc, mettono a disposizione la funzione di navigatore della traccia (a pagamento).
Fai il download della traccia GPX
dell'itinerario che vuoi percorrere.
Carica sull'App la traccia* e segui il percorso, facendo sempre riferimento ai segnavia del CAI.
Prima di partire controlla sempre il meteo!
* le tracce GPX sono sviluppate a livello amatoriale e non sono testate.
chiudi info
chiudi info
close
ATTENZIONE: il trekking non è una passeggiata! Se non sei in grado di superare un passaggio, torna indietro!
Alcuni degli itinerari qui raccontati si svolgono in parte lungo sentieri di montagna dove sono presenti tratti attrezzati con infissi (funi corrimano e brevi scale) e tratti esposti senza protezioni di sicurezza. Questi possono diventare un serio pericolo se non affrontati con la giusta attrezzatura, consapevolezza e forma fisica.
ITINERARIUM non ha alcuna responsabilità rispetto ai percorsi qui riportati, alla loro percorribilità, praticabilità e sicurezza. Chi percorre questi itinerari lo fa a proprio rischio e pericolo.

Escursione da Nova Ponente al Passo Lavazè

CAPANNA NUOVA - PIETRALBA

Itinerari fuori porta - Trentino Alto Adige

share pinterest share copy share https://www.itinerarium.it/escursioni/72/da-nova-ponente-al-passo-lavaze
Link copiato negli appunti!
apri info
icona lunghezza Lunghezza:
30 Km
icona tempo Nostro tempo:
4h00' in bici
icona dislivello totale Ascesa totale:
1240 mt
icona dislivello Quote min e max:
1275 mt - 1875 mt
icona percorso anello Tipo di percorso:
anello
icona superficie Fondo:
sterrato
icona panorama Panorama prevalente:
montagne
icona copertura Copertura telefonica:
parziale
icona inverno percorso in inverno:
no
icona bicicletta percorso in bici:

L’itinerario inizia da Nova Ponente, attraversando distese di prati fioriti, fino ad arrivare ai boschi, tra strade jeeppabili e sentieri battuti. Il percorso prosegue tra le pinete e sale fino al Passo Lavazè, un valico alpino che mette in comunicazione la Valle di Fiemme con la Val D’Ega.
Lo scenario in quota mostra i danni devastanti della tempesta Vaia che ha colpito il Trentino, e non solo, nell’ottobre 2018: un’ecatombe di alberi sui versanti montuosi e infinite distese di tronchi, accuratamente impilati, lungo le strade jeppabili.
L’istituto di Meteorologia di Berlino ha un vasto assortimento di nomi femminili che assegna in modo casuale ad uno specifico evento meteorologico. In Europa, pagando, si può lasciare il proprio nome. Per questo motivo, in maniera casuale, alla tempesta che ha stravolto queste montagne, è stato dato il nome della Signora Vaia Jakobs, grazie al simpatico regalo del fratello!


navigation
PORTAMI ALLA
PARTENZA (parcheggio)